Nel distretto di Huadu di Guangzhou, in Cina, si attorciglia un foulard di metallo rosso che ospita un teatro, dove ingegneria e architettura si fondono in qualcosa di unico e affascinante. Sorto sulla “via della Seta sul mare”, questo drappo di “seta” si articola in un fitto sistema ingegneristico, che incontra l’arte del ricamo sulla seta, una tradizionale attività del luogo.

Quest’opera plastica incanala storia, emozione ed energia creativa. Con quei “ricami”, il “tessuto” si articola in un’espressione formale, attraverso una serie di dieci pieghe delicatamente intrecciate, che delineano l’involucro esterno dell’edificio. Fonte dichiarata di ispirazione per Steven Chilton, sono gli studi più attivi fin dagli inizi della stagione dell’architettura parametrica.

Per la sua concezione parametrica, questo foulard di seta ricamato può essere definito secondo tre parole chiave, utili a comprendere quest’opera non solo dal suo punto di vista metaforico, ma anche puramente architettonico e formale. Al fine di affrontare al meglio questa parte dell’articolo, verranno usati dei paragrafi schematici, che potranno riassumere al meglio il concetto.

Shape: alla base di una tale opera, la forma è uno dei parametri più importanti, se non IL fondamentale. L’architettura si costituisce principalmente attraverso una serie di forme concave e circolari, che si compenetrano, mettendosi in relazione e formando un volume chiuso.

Math: componendosi di linee concave e piuttosto matematiche, si può affermare che ogni piega di questo “foulard”, articolato in pannelli connessi tra di loro, è una funzione aritmetica con un proprio grado. Se l’architettura parametrica è manipolazione di elementi grafici e non di sintassi, allora in questo caso sono stati usati dei valori numerici, come delle “scatole e frecce”, concepite come funzioni connesse tra di loro dalle relazioni di tipo aritmetico. L’approccio matematico viene confermato, inoltre, dal moto centrifugo che orienta le pieghe. E anche dalla possibilità di queste d’essere stirate, intrecciate e ripiegate tramite delle gabbie razionali, che dispongono di manici, tipiche dei programmi di modellazione.

Wireframe: da un’osservazione meramente empirica, si evince che la struttura corrisponda all’ornamento, quindi la copertura, visibile dall’esterno, costituisce anche la parte strutturale dell’edificio stesso. E come tale, lo scheletro diventa elemento importante e determinante dell’intera struttura, nonché fautore dello spazio.